A PADOVA PRESENTATI I CAMPIONATI DI PERONI TOP12 E SERIE A FEMMINILE

10 Ottobre 2019

9 Ottobre 2019 – Padova

Nella giornata di ieri, presso lo stabilimento Birra Peroni di Padova, la Federazione Italiana Rugby e il nuovo Main Sponsor del massimo Campionato Italiano hanno celebrato la presentazione dei due Campionati di Peroni TOP12 e Serie A Femminile. Tra shooting fotografici, interviste e siparietti divertenti, quelli che saranno i protagonisti della nuova stagione hanno fatto un rapido punto delle rispettive situazioni, esprimendo i propri pareri sulla nuova annata che sta per cominciare. Menzione speciale per i Biancorossi del Rugby Colorno, unico club presente sia a livello maschile che femminile.

A fare gli onori di casa il responsabile tecnico dello stabilimento Carlo Artusi, dettosi “Orgoglioso ed entusiasta di cominciare questa nuova avventura a sostegno del Rugby e dei suoi valori”. Al suo fianco il Presidente Federale Alfredo Gavazzi, pronto ad accogliere sul palco le capitane delle 4 semifinaliste del Campionato di Serie A Femminile 2018/2019: “Devo fare innanzitutto tanti complimenti alla Nazionale Femminile e al suo CT Andrea Di Giandomenico; abbiamo ancora negli occhi lo straordinario secondo posto dell’ultimo 6 Nazioni. Il movimento femminile sta crescendo tanto sia dal punto di vista tecnico che numerico e sono convinto che in futuro miglioreremo ancora”.

Giulia Nobile (Vice Capitano Capitolina): “Siamo state la grande sorpresa della passata stagione, ci siamo tolte tante soddisfazioni e ci siamo divertite. Siamo in crescita e questa formula di Campionato a 27 squadre – con un girone elite e quattro gironi regionali – ci stimola a dare il massimo. Penso che Roma sia un territorio difficile sul quale giocare a rugby, ma stiamo lavorando bene anche sia a livello Seniores che Juniores”.

Susanna Boledi (Vice Capitano Colorno): “Usciamo un pochino deluse dalla passata stagione ma con tanta voglia di riscatto. L’obiettivo rimane la riconquista dello scudetto ma prima di tutto dobbiamo superare un complicatissimo girone Elite. In rosa abbiamo tante Nazionali, diventate vero e proprio punto di riferimento per le ragazze giovani … Sono loro a dare l’esempio e a caricare la squadra nei momenti difficili”.

Sofia Stefan (Capitano Valsugana): “Valsugana rimane un punto di riferimento per il Rugby femminile italiano … I numeri sono in costante crescita e, dal momento che gli impegni saranno tanti, avere un bel bacino alle spalle risulta fondamentale. Il livello di competizione sta salendo e le squadre che si affacciano nelle parti alte della classifica aumentano anno dopo anno. E’ una buonissima cosa per il movimento italiano in generale”.

Jessica Busato (Vice Capitano Villorba): “Usciamo da una stagione meravigliosa, dura, intensa e difficile da ripetere. Non ci poniamo obiettivi a lungo termine … Lavoriamo duro giornata per giornata. Sappiamo di essere un gradino sotto Valsugana e Colorno a livello fisico ma a livello mentale siamo fortissime e punteremo ancora una volta sul gruppo per toglierci grandi soddisfazioni”.

Terminata la presentazione del nuovo Campionato di Serie A Femminile, sul palco sono saliti i direttori Marketing e Innovation di Birra Peroni Pierluigi Quattrini e Francesca Bandelli, felici di celebrare il 14esimo anno di collaborazione con la Federazione Italiana Rugby: “Vogliamo raccontare il rugby come un gioco pulito, intriso di valori da trasportare su tutto il territorio. Tutto il mondo invidia il nostro Terzo Tempo e faremo il massimo per farlo vivere a tutti come lo viviamo noi. Birra Peroni si fa portavoce dei valori del Rugby”. E’ toccato nuovamente al Presidente FIR Alfredo Gavazzi dare il benvenuto sul palco ai capitani delle squadre che parteciperanno al Peroni TOP12 2019/2020: “Il TOP12 costituisce la rifinitura di tanto lavoro svolto nel settore giovanile, sia a livello di Accademie che locale. Le squadre si stanno arricchendo di tanti giovani emergenti … Diamo spazio a loro e alla loro crescita. L’obiettivo ultimo sarebbe quello di creare un bel bacino per la Nazionale. Andiamo incontro ad un Campionato lungo, con 4 teste di serie (Calvisano Rovigo Padova Reggio) e tante squadre che possono sorprendere”.

Jacopo Sarto (Capitano HBS Colorno): “Il motivo che mi ha spinto a sposare il progetto del Rugby Colorno era l’ambizione di un club che continua a crescere anno dopo anno. Vogliamo essere la sorpresa di questo campionato, mettere i bastoni tra le ruote a tutti e dare il massimo ad ogni partita”.

Lorenzo Bruno (Sitav Rugby Lyons): “Avere Gonzalo Garcia in panchina rappresenta per noi un grosso vantaggio … Sfrutteremo la sua esperienza internazionale per crescere e migliorare ancora. Ovviamente il nostro obiettivo deve essere la salvezza, per la quale vedo come principali rivali Colorno e Lazio”.

Carlo Filippucci (S.S. Lazio Rugby 1927): “Possiamo considerare la salvezza della passata stagione un’impresa storica … Dopo la vittoria in casa dei Medicei abbiamo cominciato a crederci e ci siamo giocati partita dopo partita per raggiungere un traguardo lontano. Ripartiamo sull’onda dell’entusiasmo e cerchiamo di trasmettere nuove motivazioni al club e ai ragazzi nuovi. L’obiettivo rimane senza dubbio la salvezza.

Matteo Corazzi (Mogliano Rugby 1969): “L’anno scorso siamo partiti forte e ci siamo conquistati subito una salvezza tranquilla … Potevamo guardare in alto ma, nel girone di ritorno, abbiamo finito troppo presto la benzina. Quest’anno c’è tanta voglia di far meglio, costruiremo il nostro obiettivo strada facendo e daremo a tutti del filo da torcere”.

Andrea Denti (IM Exchange Viadana 1970): “Sono cambiate molte cose quest’anno e avremo tanto su cui lavorare. Nonostante questo c’è tanta voglia di fare e grande entusiasmo … Ormai da tre mesi ci stiamo impegnando al massimo in ogni allenamento con l’obiettivo di crescere in consistenza”.

Paul Derbyshire (Lafert San Donà): “Purtroppo abbiamo attraversato una prima fase negativa nella passata stagione, che ci ha costretti a recuperare nel girone di ritorno e ad accontentarci di un 7° posto. Quest’anno ci sono grandi aspettative. E’ difficile trovare una squadra favorita per la conquista dello Scudetto … Andiamo incontro a un campionato equilibrato, ricco di sorprese, dove Calvisano e Rovigo partiranno davanti, con Padova e Reggio subito dietro”.

Matteo Maran (Toscana Aeroporti I Medicei): “Arriviamo da una buonissima stagione, che ci ha insignito del titolo di rompiscatole del Campionato. Vogliamo ripeterci continuando a costruire su solide fondamenta. Siamo maturati tanto e dovremo esser bravi a non commettere errori negli appuntamenti importanti. Alle nostre spalle abbiamo un bacino di utenza foltissimo … noi siamo solo la punta dell’iceberg di un club che lavora a tutto tondo”.

Filippo Cristiano (Fiamme Oro Rugby): “Siamo nel mezzo di una fase di rinnovamento. Tanti giovani dalle Accademie sono entrati a far parte della rosa e avremo bisogno di un pochino di tempo per assestarci. L’obiettivo rimane quello di crescere settimana dopo settimana e affrontare al massimo un campionato che si va livellando verso l’alto”

Alessandro Mordacci (Valorugby Emilia): “Ripartiamo dalla splendida semifinale della passata stagione, pronti a giocarci una partita per volta. Affronteremo un campionato difficile, nel corso del quale saranno determinanti due aspetti in particolare, quello fisico e quello mentale”.

Andrea Trotta (Agros Petrarca Rugby): “Ci siamo scrollati di dosso la delusione per non essere andati in finale lo scorso anno e siamo pronti ad affrontare un nuovo campionato. Sono 6 anni che vivo a Padova e so cosa vuol dire far parte di questo club … Trovarmi a capitanarne la prima squadra mi rende immensamente orgoglioso”.

Matteo Ferro (FEMI-CZ Rugby Rovigo Delta): “Rovigo sta bene!! Finalmente si inizia l’anno tranquillamente, con basi solide su cui lavorare. Abbiamo a disposizione una rosa profonda e vogliamo riscattarci dalla finale persa lo scorso anno. C’è bisogno di maggiore costanza per vincere e soprattutto divertirci … Siamo consapevoli dei nostri mezzi e dell’obbligo di migliorare sotto l’aspetto mentale, punto focale per arrivare pronti alla fine”.

Alberto Chiesa (Kawasaki Robot Calvisano): “Abbiamo un titolo da difendere e una Challenge Cup da disputare. Siamo pronti e consapevoli del logorio fisico a cui andremo incontro … Per questo affronteremo una partita alla volta. L’esperienza in campo internazionale fa sempre bene!! A Calvisano si respira un’aria magica … Chi passa da qui sa che si lavora fin da giovani per vincere”.

Appuntamento a Sabato 19 Ottobre allora!! Buon Campionato a tutti!!